Vincitori del Concorso 2016

PRIMO PREMIO

La Lotta Continua 

Non conosco l’indifferenza
il più atroce dei crimini
nemica della democrazia.
Conosco la lotta quotidiana 
chiamata vita
di chi sogna insieme
e non viene piegato.
Disprezzo 
chi ha l’anima nera
e chiama coraggio
una violenza cieca e folle.
Sono convinto 
che le idee non si spezzino
resistono alla morte
e colorano 
di rosso 
l’alba di ogni giorno.
Matteo Svolacchia 24/01/96 
———————

SECONDO PREMIO

UN MONDO IMPROBABILE, MA NON IMPOSSIBILE

C’era una volta un mondo diverso da quello che conosciamo. Era un mondo dove non esistevano i ricchi ed i poveri, dove “sviluppo” non era sinonimo di “sfruttamento” ma un qualcosa che si aspettava con speranza, la promessa di una società migliore. Un mondo bellissimo perché ci si meravigliava di poco, perché tutto era ancora da scoprire e le persone erano uguali. Non esisteva il disprezzo per ciò che era diverso, non aveva importanza in cosa credevi, da dove venivi, di che colore avevi la pelle e chi amavi. Un mondo dove le persone non rincorrevano le cose materiali dove tutto doveva servire per forza a qualcosa. La ricerca, le nuove scoperte non servivano a creare delle invenzioni, viste da alcuni come “nuove tecnologie” e da altri come “nuove condanne”, ma semplicemente per conoscere il nostro mondo, il posto che ci ospita e tutto ciò che di bello che può esistere. Questo mondo c’era una volta. Esisteva nell’immaginazione delle persone, dava loro speranza e faceva credere nella possibilità di una vita migliore. Ora questo mondo non c’è più, rimane solo nella mente di quelle posche persone che non si arrendono a principi come il consumismo, che non vogliono essere solo una goccia d’acqua nell’oceano. Si trova in quelle persone che decidono di essere diversi e di lottare per le proprie idee e la felicità di tutti. In un mondo in cui le persone si muovono per inerzia bisognerebbe che tutti capiscano che non ha senso vantarsi di essere una civiltà tanto “evoluta” se poi siamo cechi per vedere cose più ovvie, se non ci importa della sofferenza altrui ed invece di porgere una mano a chi ha bisogno di aiuto lo spingiamo ancora di più verso il fondo. Come facciamo a dire di esserci evoluti se chiudiamo le frontiere agli immigrati che affrontano nel mare il pericolo di morire per sfuggire ad una morte certa? Come facciamo a vantarci della nostra “mentalità aperta” se ci rinchiudiamo nella nostra scatola per non accettare ciò che è diverso? Forse dobbiamo accettare che fin qui gli uomini si sono solo sviluppati, e mai davvero evoluti. ù
PAVIA DOMITILLA 01 – 09 – 1999
—————–

TERZO PREMIO

La paura non ti ha
Se tu la tieni per mano
Se tu sai farne uno scudo
Se tu sai farne una spada
Non ti ha, la paura.
Se ti sparano addosso
Prendila per mano
Fanne scudo fanne spada
Trasformala in memoria
Raccontala a chi verrà
Così non ti avrà, la paura.
Cecilia Budoni
———————-

PREMIO SPECIALE

Ricordi intrecciati (racconto)
Silvio Marconi
——————-

PREMIO MIGLIO LIBRO

Il combattente di Karim Franceschi
———————-

PREMIO MIGLIOR REGISTA

Giancarlo Bocchi con Il Ribelle
————————-

PREMIO MIGLIOR ARTISTA

Muro del Canto
————————-

PREMIO MIGLIORE ASSOCIAZIONE

Baobab
———————

PREMIO SPECIALE

Teresa Vergalli – Staffetta Partigiana
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...